Eros tu sei …

Pubblicato: marzo 16, 2011 in FreedomLand: Galleria d'Arte
una “Geniale ed incommensurabile testa di cazzo”.

Questo mi sono sentito dire in data 15 marzo 2011 (ieri sera) dopo che ho illustrato la mia idea. … Ho sorriso ed ho ribattuto: “Con una grande testa geniale si possono fare i soldi e, vedi Rocco Siffredi, si possono fare soldi anche con un grande cazzo … oggi io voglio fare i soldi”. Immediatamente il mio interlocutore scoppia in una fragorosa risata e continua dicendo: “Verissimo e lecita motivazione”.

Il mio tono si fa nuovamente serio, quindi gli chiedo di formulare un giudizio sull’idea e di rispondermi senza peli sulla lingua.

L’amico fa un altro sorso del suo irish coffee e mi dice: “Prima di risponderti desidererei sapere non il perché lo hai fatto, ma dove ti sei infilato le tue idee per quasi vent’anni e poi perché chiedi un giudizio proprio a me”.

Dato lui ed io ci conosciamo dal 1986 la domanda mi è parsa pertinente e non meritava una risposta superficiale. La mia risposta fu: “La maggior parte delle idee ho evitato di elaborarle per non renderle proficue per nessuno, le altre invece, quelle che il mio io mi imponeva di elaborare le ho gettate in pasto a quelli bramosi di emergere. Mentre lo chiedo a te, che ho incontrato per purissimo caso fuori dall’ufficio del catasto, perché sei un produttore di pubblicità di una rivista di moda”.

Mi guarda e mi dice: “Per noi fumatori era più bello questo posto quando c’era anche odore di fumo, dava più l’idea della bettola irlandese”. … Ma sei fuori? gli domando io … No, mi risponde lui, usciamo a fumarci una sigaretta.

Il fatto che non mi avesse risposto immediatamente, mi faceva ben sperare perché intuivo (o almeno ci speravo), di avergli acceso una lampadina in testa.

Una volta che fummo fuori mi dice: “Avevo intuito che l’idea era cambi-nata (chi conosce le griffe sa cosa si lega al nome Cambi), potresti tentare”.

0,21 € (il costo di una mia sigaretta) andò letteralmente in fumo quindi rientrammo nel locale, finimmo le consumazioni parlando d’altro e mentre ci rimettevamo i rispettivi impermeabili dato che fuori pioveva mi dice: “Accompagnami alla macchina che è parcheggiata al parcheggio del San Marco” … dimenticavo eravamo a Bergamo ed il luogo citato è un hotel.

Parlammo della situazione nipponica ma una volta arrivati alla macchina mi disse mentre estraeva il suo MacBook dal baule: “Entra un attimo” . Io feci come mi disse di fare ed una volta saliti accese il Mac e consultò la sua rubrica.

Sinceramente non capivo il perché mi avesse chiesto di andare con lui, sino a quando mi disse: “L’idea mi piace … mi piace talmente tanto che adesso ti do i dati per contattare un avvocato che si occupa di registrazione di Marchi Nazionali, Internazionali e Comunitari. Appena arrivi a casa mandagli una mail (che leggerà domani quando arriverà in ufficio), informandola che ti mando io e domani passerai da lei. Eros non preoccuparti per l’onorario perché va tutto sul mio conto”.

Lo guardai stranito e gli chiesi: “Soci?” … Mi rispose: “Vediamo se con una buona azione di marketing l’idea diventa proficua dato che ogni anno si ripete. Ho già in mente chi può farci i primi capi”.

 

Il come andò il resto della serata sono cavoli nostri.

ps. Se ho inserito questa bozza nella “Galleria d’Arte” … un motivo ci sarà.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...